Davvero stralunati!

Forse davvero stiamo non grammaticalmente ma fattualmente approdando ad un periodo ipotetico dell’irrealtà. Perché? Ma perché sulla Luna’s capitano cose strane! Ci abbiamo fatto caso l’altro giorno. In realtà nel viavai di gente non è sempre facile cogliere la stramberia del momento e dell’accadimento, ma l’altro giorno è capitato, e vorremmpo raccontarvi la sorpresa e la ristata che ha suscitato quel che è successo.

Era sabato sera, eravamo in attesa che arrivasse da Roma il nostro amato Claudio Morici ed era uno di quei pomeriggi tranquilli, lenti, senza troppo da fare se non prepararsi alla serata, che invece era sold out.
Come da programma ad un certo punto arriva, zaino in spalla, il buon Claudio. Abbracci, baci, come va Claudiè?sempre bello averti qui!allora che racconti?

E dopo i convenevoli di rito chiediamo se vuole andare a posare il bagaglio e a rilassarsi un attimo nel B&B che gli abbiamo prenotato. C’è però un piccolo inconveniente e la stanza non è subito disponibile.
Claudio non si perde d’animo, ci guarda e dice: Bè, daje, ora che c’è la camera io ho il tempo di una corsetta. Mi cambio qui, vado, e poi la doccia la faccio là quando è pronta!
Immaginate il tanto d’occhi delle Lunatiche, che, riprese dallo stupore iniziale, ridendo rispondono: Bè, dai, ok, se a te va così certo, fai pure!

Detto fatto Claudio approda in bagno per uscirne vestito di pantaloncini e maglietta (Claudiè, ma non hai freddo? In fondo è ancora marzo e se vai a correre al Valentino, l’umidità del PO… No, tranquille, me scaldo correndo!). E parte.

Dopo neanche cinque minuti approda sulla Luna’s una ragazza con un oggettone ingombrante, che dopo un attimo scopriamo essere Beba (il folletto che avrebbe animato la nostra domenica). L’oggettone in questione (eh, la rima?!!) era il libro di fiabe maxi formato protagonista dello spettacolo della mattina seguente.

Ora, ci è venuto da pensare ad un ignaro avventore che vede la scena: uscire un tizio, appena entrato con uno zaino, in pantaloncini corti e maglietta e poi entrare una ragazzetta piccola e smilza con un libro gigante, quasi più alto di lei. Per lo meno il cliente in questione si sarà fatto qualche domanda, oltre a stupirsi.

E a noi piace che questo tipo di stramberie accadano e stupiscano chi è venuto qui per prendere anche solo un caffè. Perché è così che la Luna’s ci sembra un po’ magica, popolata di creature strane che agiscono in modo inconsueto colorando l’atmosfera delle tinte dell’arcobaleno e rendendola frizzantina, di quel pizzicore fresco e accattivante che solo la fantasia riesce a creare.

Vi aspettiamo! Chissà che non vi capiti di assistere ad uno dei nostri eventi stralunati!

Buona settimana! E date occhio ai nostri eventi, che ne ospiteremo delle belle!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *