Voland

Voland è il nome del Signore delle Tenebre nel romanzo di Michail Bulgakov Il Maestro e Margherita, ma di certo non è un diavolo comune. Per definirlo e per confondere subito le acque e il lettore, Bulgakov premette al suo romanzo una citazione dal Faust di Goethe: “…io sono parte di quella forza che vuole perennemente il Male e perennemente compie il Bene.”
Arrivando infatti a Mosca nei cupi anni ’30, il misterioso Voland e la sua bizzarra corte mettono a soqquadro la città: magie, giochi di prestigio, inquietanti spostamenti nel tempo e nello spazio. Salveranno però il Maestro, uno sfortunato scrittore inviso al potere (“I manoscritti non bruciano”). E la vendetta della schiera diabolica si esercita beffarda soprattutto nei confronti della cattiva letteratura…
La casa editrice Voland, fondata dalla slavista Daniela Di Sora, è nata nell’aprile del 1995. I primi tre libri pubblicati sono stati di autori slavi: Gogol’ Dall’Italia, Stanev Il ladro di pesche e Tolstoj Per Anna Karenina che contiene un saggio inedito di Angelo Maria Ripellino. Grande infatti è l’attenzione per il mondo slavo, in gran parte sconosciuto, affascinante perché fatto di grandi letterature non troppo frequentate, come la russa, la ceca, la bulgara, la polacca.
Nel 1999 la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha concesso a Voland il Premio alla cultura “per la pregevole attività svolta nel campo editoriale”, mentre il 12 maggio del 2003 è stato assegnato alla casa editrice il Premio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali “per aver svolto attraverso la pubblicazione di traduzioni di elevato profilo un importante ruolo di mediazione culturale”.
Il sito di Voland
Tutte le volte che vi abbiamo parlato di Voland