News dalla Luna’sTorta | Le date impossibili

cari amici,

quando organizzi degli eventi, normalmente impari a trattare il calendario in modo pratico. Gli appuntamenti ti si marchiano a fuoco nella mente e ritmano il corso delle tue giornate. Non hai neanche bisogno dell’agenda, in effetti, perché hai tutto in testa: date, eventi, festività e ponti, orari e giorni della settimana.
Quando ti occupi di organizzare eventi, di norma ti trasformi in un uomo agenda implacabile e perfetto.
Di norma. Poi c'è il caso della Luna’sTorta.

Qui, al contrario, trattiamo il calendario in modo creativo. Le vecchie settimane, quelle di sette giorni, si espandono al ritmo dell’universo, fino a ospitarne nove o dieci. Il concetto di venerdì sera si moltiplica, in un prisma infinito di possibilità. Spuntano giorni ingiustamente ignorati, in età moderna, come il 29 febbraio o il 32 agosto.

Il calendario gregoriano da noi incontra quello maya e ci va a braccetto. Tendiamo a ignorare feste di secondo piano, come Pasqua e Natale e a programmare reading la sera del 24 di dicembre. In compenso siamo estremamente attenti a ricorrenze come la nascita del serpente piumato dal vulcano Popocatepetl.

Certi giovedì sera, nel nostro calendario di eventi, sono più intasati della Salerno-Reggio Calabria a Ferragosto. Noi non ce ne preoccupiamo: confermiamo tutti gli incontri e poi si vedrà. Dove sta scritto, in fondo, che ciascuna settimana non abbia diritto a due o tre giovedì sera?

Facezie a parte, qualche piccolo problema di calendarizzazione ogni tanto lo abbiamo, ma quello che alla fine vien fuori non è tanto male, alla fine. Ma giudicate voi: ecco i prossimi eventi!

---

I nostri fantastici corsi! | partono il 7 ottobre

Songwriting, filosofia e tarocchi. Il martedì e il mercoledì alla Luna’s, come da recente tradizione, ci sono i corsi. Hanno un prezzo popolare, un approccio rigoroso ma leggero e, forse per questo, tendono a formare bei di amici. Ecco i tre magnifici corsi autunnali!
> Filosofia contemporanea con Raffaella Paisio: ogni martedì dalle 19 alle 20 [altre info e iscrizioni]
> Tarocchi, sempre con Raffaella Paisio: ogni martedì dalle 20 alle 21
> Songwriting con Federico Sirianni: ogni martedì dalle 19.30 alle 21

---

Gran cabaret con Ciccio Rigoli | sabato 11 ottobre

Cè un uomo, un microfono e un tablet. Luomo è sicuramente Ciccio Rigoli. Poi ci sono parole: scritte, messe in fila, ponderate, ponderatissime anzi, ma soprattutto recitate a manetta.

Uno spettacolo molto divertente, che da Milano approda alla LunasTorta sabato 11 ottobre. Dalle 20 l’aperitivo, alle 21 circa lo spettacolo.

> Altre info e prenotazioni

---

Il tempo dalla mia parte | Domenica 12 ottobre

Il primo di ottobre è cominciato, a Torino, l’ottobre africano : una lunga serie di appuntamenti letterari, musicali, cinematografici per celebrare il continente africano. Luna’sTorta è orgogliosa di partecipare, con banchetti nei vari eventi e ospitando Mohamed Ba domenica 12 ottobre, per la presentazione del suo Il tempo dalla mia parte.

> altre info e prenotazioni da qui

---

’Ala al-Aswani a Torino!| 13 e 14 ottobre

Sempre per la serie collaborazioni di un certo livello, siamo molto orgogliosi di partecipare alle due presentazioni torinesi di ’Ala al-Aswani, il più grande scrittore egiziano vivente, autore di Palazzo Yacoubian, Chicago e altri capolavori. A cui si aggiunge l’ultimo, appena uscito, Cairo Automobile Club, che sarà presentato, in anteprima per l’Italia, il 13 e 14 ottobre, per iniziativa al Salone Off 365. Ecco i due appuntamenti:

> Lunedì 13 ottobre, ore 18 – Biblioteca civica Natalia Ginzburg (Via Cesare Lombroso, 16). Modera Younis Tawfik.
> Martedì 14 ottobre, ore 11 – Liceo Classico Cavour (Corso Corso Tassoni, 15). Incontro riservato agli studenti

---

Libri per viaggiare nello spazio e nel tempo

La macchina del tempo esiste già ed è fatta di carta e inchiostro. Ecco qualche libro che vi porta là, dove nessun uomo ha mai osato prima!

> Buenos Aires anni Trenta. C’è Calle Corrientes con le sue prostitute, case nobiliari con targhette di metallo, c’è il Monte di pietà e i caffè letterari. Acqueforti di Buenos Aires, del grande (grande!) Roberto Arlt (Del Vecchio editore) parla dei luoghi e delle persone (tutta una fauna di irresistibili scioperati), e delle parole (fantastiche espressioni in lunfardo). La magia, lo squallore, della Buenos Aires degli anni Trenta. La stessa di cui racconta Marcelo Caraoche, in Storie dell’era del tango (Rayuela editore), racconti con colonna sonora. E grossomodo la stessa di Buenos Aires, le strade del vizio di Albert Londres (excelsior 1881).
Tre libri che portano lì e portano allora.

> Kinshasa, anni Duemila. Matematica congolese, di Koli Jean Bofane (66thand2nd) è un romanzo che parla di riscatto sociale, politica e... matematica! Célio Matemona, per gli amici Célio Matematik, si serve di derivate, equazioni e teoremi per interpretare il mondo. Il governo, corrotto e oppressore come in molte nazioni africane, proverà a usare le sue doti matematiche, ma si troverà presto costretto a pentirsene.

> New York, fine Ottocento. Una ragazza da Tiffany, di Susan Vreeland (Beat) è un libro che parla di emancipazione femminile, di arte del vetro (le meravigliose creazioni Tiffany, per l'appunto), di problemi di una società in rapido mutamento. Ma tra le righe é New York a farla da padrona, tanto che è un attimo desiderare di salire sulla bici al seguito di Clara e girare per le strade di Manhattan.

---

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Io però li ringrazio: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).
Però non stampatela. La scrivo con le letterone belle grandi apposta.