News dalla Luna's / La solitudine dell'ipotenusa

Cari amici,

non so se vi è mai capitato, di recente, di pensare alla solitudine dell'ipotenusa, questo lato ipertrofico dei triangoli scaleni, questo monstrum geometrico di cui nessuno si ricorda mai, se non quando si tratta di costruirci sopra un quadrato: un quadrato abusivo, mal accatastato in comune, un quadrato esente IMU, un quadrato lasciato sfitto, tirato su unicamente per confrontarlo con la somma di quelli costruiti sui cateti e ratificare una volta di più che sì, sono proprio uguali; che sì, Pitagora aveva ragione.

Non so se vi è mai capitato di pensare alla solitudine dell'ipotenusa, e a quanto son fortunati i cateti che vanno in giro in coppia, si tengono teneramente per un angolo scaleno e di sicuro sono innamorati.

Probabilmente no, avete mai pensato alla solitudine dell'ipotenusa, o provato pena per lei. La geometria tende a non suscitare molte emozioni, forse perché è troppo precisa, troppo esatta.
E spesso la geometria è troppo difficile da imparare, come succede al figlio adolescente di cui racconta Smamma, splendido romanzo di Valentina Diana che presenteremo mercoledì sera in un modo un po' inconsueto.

Smamma, di Valentina Diana / mercoledì 26 marzo

Ci sono presentazioni noiose, più simili a conferenze, in cui le "tematiche" del libro si "sviscerano" e sembra di essere non in libreria, ma su un tavolo autoptico.

Poi ci sono presentazioni come quella di mercoledì 26 marzo, in cui parleremo di un libro attraverso un gioco (di più non dico).

Il libro è Smamma di Valentina Diana (uscito or ora per Einaudi) e l'idea del gioco è venuta alla fantastica Laura Salvai. Sarà una serata molto divertente, perciò non mancate!

> Altre info da qui

La fonovaligia del Dottor Dobhran / 28 marzo

La fonovaligia del Dottor Dobhran è un impasto di parole e musica, conversazioni e parodie. “I menu di Maledetta”, “L’armadio ai tempi della crisi” e altri pezzi, orchestrati in uno spettacolo memorabile.

> Info e prenotazioni da qui

La formula è quella del teatro canzone, con testi che toccano temi come la cucina o l’abbigliamento e atmosfere anni cinquanta, ma con frequenti rimandi all’attualità. I protagonisti sono: Mauro Moretti, Giorgio Pasino e Massimo Pizzoglio.

Presentazione di Calce viva / domenica 30 marzo

Un libro che «saprà farvi sussultare e appassionare, ma anche sognare sull’eterno quesito legato all’amore. Con una morale finale priva di retorica e demagogia.» (Maurizio Blini).

Calce viva, di Bruno Pugno, è un romanzo storico con una storia che affonda le sue radici negli anni dell’Unità d’Italia e si riverbera fino ai nostri giorni, con tinte gialle e non solo. Lo presentiamo domenica 30 marzo, alle 12 circa, con l'autore e Barbara Meinero.

Prossimamente / Che succede settimana prossima

La prima settimana di aprile quest'anno comincia il 31 marzo. Questo è già piuttosto eccezionale, ma a renderla ancor più interessante ci sono questi tre appuntamenti:
> Quadernini, un progetto di raccolta e recupero dei vecchi quaderni scolastici, che è diventato un reading con mostra di quaderni. Venerdì 4 aprile, in serata!

> Un reading di Guido Catalano, in occasione dell'uscita di La donna che si baciava con i lupi, nella nuova edizione (Miraggi). Sabato 5 aprile, in serata.

> Mi scappa la creatività, un laboratorio per bambini dai 4 ai 10 anni, che insegna a realizzare semplici e divertenti manufatti utilizzando materiali di recupero. Domenica 6 aprile, dalle 16.30.

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Io però li ringrazio: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).
Però non stampatela. La scrivo con le letterone belle grandi apposta.