Le news della Luna's / La sorte in banca

Cari amici della Luna'sTorta,

qualche settimana fa circolavano su internet dei video fatti molto bene, con l'etichetta #coglioneNo. Li avrete visti: era la provocazione di freelance, stagisti, grafici a partita IVA, un esercito di gente con molte idee e pochi soldi che di solito sono pagati, a lavoro eseguito, con una calda stretta di mano.

Nei video, per chi non li ha visti, ci sono idraulici, elettricisti e così via, con insopportabili committenti che non hanno nessuna intenzione di pagarli.
"Per questo progetto non c'è budget. Però guarda, sei giovane, hai fatto un'esperienza", dice un proprietario di casa al suo antennista che ha avuto l'ardire di presentar fattura. O anche: "Non ci sono soldi, ma metto il tuo lavoro su facebook e anche su instagram, pensa che visibilità che ti do".

Ho pensato, guardando questi video, che fossero molto belli e che la stessa strategia fosse perfetta con la mia banca. Perciò di buon mattino ci sono andato, ho chiesto di parlare col direttore, l'ho salutato con molti sorrisi e gli ho domandato un milione di euro.
Lui è un po' sbiancato, ma non troppo. Non abiancano mai troppo, i direttori di banca, forse perché si nutrono di sangue umano.
Mi ha chiesto garanzie: avevo un milione di euro da qualche parte, per garantire il milione di euro che chiedevo in prestito? Avevo case, automobili di lusso, castelli nella Loira, pacchetti azionari a Cupertino, California; avevo organi in buono stato pronti per l'espianto, avevo opere - anche minori - di Picasso o Renoir, prime edizioni della Bibbia, possibilmente autografe?

Ho risposto di no: non avevo niente di tutto ciò. Però potevo - e ho allargato dimolto il sorriso - dargli un sacco di visibilità. Pensavo, gli ho giurato, di mettere like alla pagina facebook della banca. Non solo, avrei fotografato la valigetta col milione di euro e l'avrei condivisa su tutti i social network. Avrei reso virale i loro ottimi prodotti finanziari: il ContoSconto, il ContoPronto, il ContoCanto.

Sono stato sicuro di me, ottimista e sorridente mentre parlavo col direttore. E lo sono rimasto anche quando ha chiamato un suo collaboratore fidato, mi ha fatto prendere per la collottola come un gatto e mi ha cortesemente proiettato sul marciapiedi di fronte alla banca, giusto in tempo perché un passante mi concedesse un prestito a fondo perduto di cinquanta centesimi; un passante anonimo, purtroppo, che non posso neanche ringraziare taggandolo in una nota di facebook.

Robert Ward tour feat. Luca Ragagnin / 11.02

Nasce una nuova casa editrice, interamente dedicata alla nuova letteratura statunitense. Si chiama Barney edizioni e promette di far conoscere al pubblico italiano scrittori strepitosi. Come Robert Ward, che inaugura la collana dei Fuorilegge (curata da Nicola Manuppelli) col suo romanzo Io sono Red Baker.

L'11 febbraio avremo l'onore di ospitare il reading di Robert Ward, aperto da un eccellente fuorilegge torinese, Luca Ragagnin, che presenta il suo nuovissimo libro Cinque sigilli (Scritturapura). Insieme a loro sarà presente la blogger Marta Ciccolari Micaldi (la McMusa).
Dalle 20 l'aperitivo, dalle 21 il reading.

> Altre informazioni qui

La decrescita e i giovani, di J.L. Allion / 12.02

Jean-Louis Aillon, giovane medico e vice-presidente del Movimento per la Decrescita Felice, presenta il suo primo saggio: “La decrescita, i giovani e l’utopia: comprendere il disagio per riappropriarsi del nostro futuro”, edito dalle Edizioni per la Decrescita Felice.

L’incontro, in collaborazione con il circolo è previsto mercoledì 12 Febbraio alle 21.15.

> Altre informazioni qui

Impariamo l'arabo. I livello / Dal 13 febbraio

Torna, dopo il successo di quest'autunno, il breve corso che, a prezzi popolari, vi introduce allo studio della lingua e della cultura araba. Tra un tè e un pasticcino, impareremo l’alfabeto, un po’ di grammatica e di conversazione. Il corso non richiede conoscenze preliminari.

A tenere le lezioni sarà Paola Palladino, dell’associazione italo-algerina Jawhara. Gli incontri saranno 10, tutti i giovedì sera, dalle 19.30 alle 21 circa, a partire dal 13 febbraio.

> Altre informazioni e iscrizioni da qui

Wu Ming 4 su Tolkien / sabato 15 febbraio

«Penso che la cosiddetta “Storia fantastica” sia una delle più alte forme di letteratura e che sia del tutto sbagliato associarla ai bambini».

Ecco quel che scriveva, in una lettera, J.R.R. Tolkien; e oggi, a qurant’anni abbondanti dalla sua morte, possiamo senz’altro dargli ragione. Sabato 15 febbraio Luna’sTorta ha l’onore di ospitare Wu Ming 4, autore di Difendere la Terra di Mezzo, raccolta di scritti su Tolkien appena uscito per Odoya.
Insieme all'autore ci saranno Filippo Sottile e Francesca Papasergi.

> Info e prenotazioni da qui

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Io però li ringrazio: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).
Però non stampatela. La scrivo con le letterone belle grandi apposta.