Le news della Luna's / Cartolina da lontano

Cari amici della Luna'sTorta,

da un mese non ricevete questa newsletter e magari vi eravate anche abituati alla sua assenza; ma le cose belle, come saprete, non durano mai a lungo, perciò eccola di nuovo nella vostra casella mail a reclamare attenzione, ostinatamente piena di roba scritta e con poche immagini anche se tutti consigliano di mettercele, le immagini, e belle grandi, perché la gente mica ha tempo di leggere del testo.

Ecco, a me piace l'idea di rivolgermi alla gente, magari poca, che di tempo per leggere ne ha sempre, una piccola riserva di mezze ore da dedicare a sé, al piacere di dare un senso a quei caratteri allineati su schermo o carta. "Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere" è una frase di Daniel Pennac e l'ho sempre trovata non solo bella, ma anche vera.

Riprende quindi la newsletter e riprendono anche gli appuntamenti del locale. Partiamo da poche, ottime cose: due apputamenti, un corso, un consiglio librario. Trovate tutto nelle prossime righe.

PS

Un'altra frase che ho sempre trovato bella e vera è: "Appena puoi parti, il resto arriverà". E questo mese di assenza è dovuto, in effetti, a un viaggio. Il libraio ha potuto ed è partito. Ora aspetta che il resto arrivi!

Incontro con Mario Desiati / 3 febbraio dalle 20

“L’amore per crescere ha bisogno di muri, proprio come l’edera.” Ecco quello che nonna Comasia ha detto a Francesco, detto Veleno, protagonista del nuovo, intenso romanzo di Mario Desiati, Il libro dell'amore proibito (Mondadori).
Desiati, già finalista del premio Strega 2011, è uno dei più interessanti nuovi scrittori italiani.

Presenteremo il suo libro lunedì 3 febbraio, insieme all'autore e a Sara Bauducco, giornalista e blogger. Segnatevi al data e non prendete impegni: dalle 20 c’è l’aperitivo, dalle 21 la presentazione!

> Altre informazioni e prenotazioni qui

Robert Ward tour @ Luna'sTorta / 11 febbraio

Nasce una nuova casa editrice, interamente dedicata alla nuova letteratura statunitense. Si chiama Barney edizioni e promette di far conoscere al pubblico italiano scrittori strepitosi. Come Robert Ward, che inaugura la collana dei Fuorilegge (curata da Nicola Manuppelli) col suo romanzo Io sono Red Baker.

L'11 febbraio avremo l'onore di ospitare il reading di Robert Ward. Ci sarà la blogger Marta Ciccolari Micaldi (la McMusa) e non solo!
Dalle 20 l'aperitivo, dalle 21 il reading.

> Altre informazioni qui


Intanto per ingolosirvi un po' ecco l'incipit del romanzo:

“La storia che sto per raccontarvi parla di come io, Red Baker, abbia perso lavoro, orgoglio e famiglia e sia stato tremendamente vicino a rimetterci anche la casa e la vita ma, grazie a un atto di ingenuità, sia riuscito (almeno per il momento) a riavere tutto quanto.
Non c’è mai stata una storia a lieto fine a Baltimora, ma questa è quanto di più vicino a un lieto fine abbia mai sentito.
Quello che successe fu questo.”

Impariamo l'arabo. I livello / Dal 13 febbraio

Torna, dopo il successo di quest'autunno, il breve corso che, a prezzi popolari, vi introduce allo studio della lingua e della cultura araba. Tra un tè e un pasticcino, impareremo l’alfabeto, un po’ di grammatica e di conversazione. Il corso non richiede conoscenze preliminari.

A tenere le lezioni sarà Paola Palladino, dell’associazione italo-algerina Jawhara. Gli incontri saranno 10, tutti i giovedì sera, dalle 19.30 alle 21 circa, a partire dal 13 febbraio.

> Altre informazioni e iscrizioni da qui

Leggere libri in Sri Lanka

Non bisognerebbe leggere libri in Sri Lanka. Non solo perché il paesaggio è così bello che quasi mai vale la pena di immergere lo sguardo tra le pagine. È soprattutto che tra l'umidità, il mare, il sole e il sale che lì sono quasi ovunque la carta fa una brutta fine.
Così, appena tornato dallo Sri Lanka, uno dei libri che mi sono portato dietro mi guarda corrugato, con l'aspetto di una spugna vecchia. Pazienza, lo ricomprerò, perché è molto bello.
Si intitola Il caso Hamilton, è ambientato a Ceylon - il nome dell'isola fino a quarant'anni fa - e la scrittrice autraliana (nata però a Colombo) Michelle De Krester l'ha scritto nel 2005 (edizione italiana Neri Pozza, 2006).
Il caso Hamilton non è un giallo, a dispetto del titolo, anche se sicuramente contiene un giallo. È il racconto, suggestivo e magnificamente scritto, di una vita. Val la pena procurarsene una copia e leggerlo, magari all'asciutto, magari in Italia.

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Io però li ringrazio: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).
Però non stampatela. La scrivo con le letterone belle grandi apposta.