Testata

Evidentemente è prerogativa domenicale: accadono cose e noi ne rimaniamo colpiti e abbiamo bisogno di parlarvene.
Domenica scorsa sono sbarcati sulla Luna's due ragazzi, un lui e una lei giovanissimi: Sergey (anni 32) e Claudia (anni 25), lui russo, lei italiana. Si sono sposati da poco e come viaggio di nozze hanno deciso di girare il mondo a costo zero.

Spieghiamo meglio: sono venuti qui, previa mail, perché il loro modo di sostentarsi è l'arte di lui, documentata dalle foto e video di lei.
Lui fa ritratti. Direte: bravo, sai quanti ce ne sono al mondo?
Bene, la cosa non è così banale, perché il soggetto si siede su una sedia davanti al cavalletto. Sergey se lo squadra per un po' sfogliando fotocopie in bianco e nero di volti famosi. Dopodiché comincia a dipingere con i soli colori bianco, nero e grigio (mescolanza dei due). E, in dieci minuti, ecco il ritratto della persona che Sergey ha davanti, ma con come base i tratti del volto noto che aveva scelto in partenza: spettacolare!

Anche perché i ragazzi non vogliono denaro, chiedono cose materiali, tipo noi abbiamo offerto loro pranzo e fatto una ricarica per il cellulare, qualcuno gli ha pagato un paio di biglietti dell'autobus, qualcun altro ancora ha barattato con loro oggetti di vario genere.

Era orario di brunch, e da quando sono arrivati Claudia e Sergey fino verso le 16 quando sono andati via, si è creato qualcosa di speciale: noi Lunatici, ma anche tutti i clienti che via via sono capitati sulla Luna's, sono stati al gioco, si sono fatti ritrarre, e l'atmosfera s'è tinta di un che di magico...
Sergey ha talento e noi siamo stati rapiti da questa storia che ha del romantico e del poetico e che siamo stati contenti di supportare in qualche modo.

I nostri ritratti e alcuni diquelli dei clienti sono girati su Facebook e un nostro Affezionatissimo, emozionato quanto noi da questo evento unico, ha creato un hashtag che ci è piaciuto assai, che useremo tantissimo, e che non per niente dà titolo a questa newsletter e che vi invitiamo ad usare a vostra volta per le cose che vi piacciono della Luna's: #solocosebellesullaluna.

Buona vita, buona settimana, e sabato e domenica non mancate a Portici di Carta: quest'anno faremo scintille per il festeggiamento dei 10 anni!!!

---

Giovedì 6 ottobre | h 20 aperitivo, h 21 spettacolo

Giorgia Goldini in Gold Show

Arriva per la prima volta da Luna's Torta l'esilarante Giorgia Goldini con il suo divertentissimo spettacolo “GOLD SHOW”, uno spettacolo composto da più quadri e da più storie che si sviluppano sulla scena per volontà del pubblico stesso.
Sessanta minuti di assurda, folle, culinaria, esagerata, familiare, elegante comicità decisa dagli spettatori sul momento. Scritto e interpretato da Giorgia Goldini, “Gold Show” non si presenta come il classico spettacolo "da guardare", ma come uno spettacolo da "comporre" sul momento. Consultando infatti un comodo menù il GOLD SHOW prende letteralmente forma in base ai gusti e alle scelte del pubblico. Spettacolo comico, elegante, originale, sorprendente, folle, movimentato, interattivo, sano, estemporaneo. All’improvviso.

Ricordate: se volete mangiare prenotare vi assicura un posto a sedere e tante cose buone da mettere sotto i denti!
La precedenza per i posti ai tavoli verrà data a chi prenota per l’aperitivo.
Potete dirci quanti siete cliccando QUI.

---

Sabato 8 h 10-24 e Domenica 9 ottobre h 10-22

La Luna's sbarca a Portici di Carta

Carissimi, ebbene sì, anche quest'anno le Lunatiche sbarcano a Portici di Carta. E in una sezione che ben le rappresenta: DONNE.

Abbiamo selezionato titoli veramente succulenti e se verrete trovarci ne avrete la prova!

Come da tradizione chi acquisterà libri al nostro banco avrà in dono un pezzo di torta (e il nostro cuoco le fa davvero buonerrime!).

Sabato sera inoltre ci sarà la MegaFesta per i 10 anni di Portici di Carta, quindi scorrerà anche vino per tutti i 2 km: le librerie si stanno attrezzando perché non rimaniate a gola asciutta.

In breve: siateci!

https://www.facebook.com/porticidicarta/

---------------------

Il Luna's rimarrà aperto sabato dalle 9:30 alle 18:30, mentre domenica rimarremo chiusi e potrete trovarci a Portici!

---

Tre titoli tutti al femminile per le proposte di lettura di questa settimana, ma, gioco forza, facendo noi Lunatiche parte del settore DONNE di Portici di Carta, il pensiero s'è inevitabilmente incanalato in tal senso! E non ne resterete delusi!

Il sentiero della speranza di Dominique Manotti, Sellerio (15 euro)

Nella Parigi del 1980 una baby prostituta thailandese viene trovata assassinata nel quartiere turco del Sertal. Quartiere già in subbuglio per le manifestazioni di protesta dei suoi abitanti e lavoratori, che tentano di ottenere il permesso di soggiorno e il libretto di lavoro.
L'indagine per la morte della piccola viene affidata alla squadra del X Arrondissement, capitanata dal commissario Daquin (personaggio naif, anticonformista e non asservito al potere - nonché omosessuale - già presente in altri noir a sfondo economico-finanziario della Manotti).
Il ritrovamento di tracce d'eroina mette il commissario in allerta: si tratta di qualcosa di più grosso, che muove reti che hanno a che fare con le alte sfere, l'alta finanza, la politica, accordi economici tra nazioni in guerra.
Per questo Daquin non mollerà la presa, fino a scoperte sconcertanti.

Nelle strade che scendono verso la piazza i gruppetti di militanti si congiungono, sovreccitati dall'accoglienza ricevuta. Sboccano nella piazza. Nessuno. In fondo, c'era da aspettarselo. Aprire la porta del laboratorio, ascoltare, è un conto; scendere in piazza, quando si è clandestini, è un altro... Ma i militanti hanno un morale d'acciaio e sono avvezzi alla solitudine. Soleiman sistema gli altoparlanti. Si srotola qualche striscione di stoffa rossa per delimitare e inquadrare il luogo del raduno. È bello quel rosso vivo al sole. Soleiman comincia a parlare, in turco: [...]

Il giardino di Amelia di Marcella Serrano, Feltrinelli (17 euro)

Ancora anni '80 per questo libro, ma ci troviamo in altre latitudini, e più precisamente nel Cile di Pinochet.
Dato il clima di sospetto il giovane sovversivo Miguel viene accusato di attività rivoluzionarie e confinato in un paese non distante dalla tenuta la Novena, dell'attempata Amalia. Dopo i primi incontri, in cui i due si studiano diffidenti, nasce col tempo una bella e solida amicizia, rafforzata dal comune amore per i libri e la lettura.
Tutto assume i contorni di una quasi normalità, quando fanno irruzione nel giardino di Amelia i militari asserviti al regime, e, trovate armi nella tenuta, tentano di catturare Miguel, che riesce a fuggire. Prendono e torturano Amalia, nel contempo.
Anni dopo, pur con una nuova vita in Europa, Miguel non riesce a dimenticare la Novena e Amalia, e tramite una sua cugina viene a scoprire cosa le sia accaduto dopo la sua fuga.
Il ritorno in Cile diventa un imperativo per mettere un punto ad un passato doloroso.

Il cane. Quel fottutissimo cane. Se avesse deciso di attraversare la strada mentre arrivavano gli sbirri con i lacrimogeni e gli idranti che sparavano getti feroci, se quel coglione avesse scelto un altro minuto, un secondo prima, un'ora prima, se non si fosse lasciato sorprendere dalla paura dei sassi che gli piovevano addosso, sulla sua povera schiena, se non avesse avuto l'impulso di attraversare la Alameda in quel preciso istante, lo stesso istante in cui lo facevo io, disperato, con una manica di sbirri alle calcagna e io a supplicare le mie gambe che non mollassero, di prendere velocità, e quando le mie fottutissime gambe decidono di darmi retta, inciampo nel cane, merda, e rotoliamo per terra tutti e due, una sola massa compatta e indivisibile, io e il cane un tutt'uno, avvinghiati, i nostri brutti musi mescolati insieme, bagnati, bavosi, neanche ci avessero scaraventati giù dall'alto, un pacco postale che si schianta a terra ed esplode in mille pezzi, sbam!, la Alameda deserta, solo io e il cane in mezzo alla strada, e gli sbirri bastardi che si avvicinano al bottino leccandosi i baffi.
Il cane lo lasciarono lì in mezzo alla strada, a me mi arrestarono.

Le Ragazze di Emma Cline, Einaudi (18 euro)

Evie è la classica adolescente invisibile consapevole di avere un mondo dentro tutto da scoprire e in attesa che qualcuno se ne accorga. Se a farlo sono Le Ragazze, che tagliano l'aria quando camminano, con i loro vestiti corti e strettissimi, con le loro acconciature vaporose, con i loro modi di fare spregiudicati, per lei la vita avrà una svolta senza ritorno, soprattutto dopo il ranch, la musica, i corpi, la scoperta del sesso. Russel, in cima a tutto.

Quando uscivo di casa era raro che vedessi qualcuno. Gli unici adolescenti del paese sembrava che si ammazzassero in modi sanguinosamente rurali: sentivo di pick-up schiantatisi alle due del mattino, del pigiama party nel camper in garage finito con un avvelenamento da monossido di carbonio, di un quarterback morto. Non sapevo se il problema nascesse dal fatto di vivere in campagna, con un'abbondanza di tempo e noia e veicoli abitabili, o se fosse una cosa tipica della California, una certa grana della luce che incitava al rischio e alle stupide acrobazie da film.
Nel mare non ci avevo messo piede. Una cameriera del bar mi aveva detto che quelle acque erano un luogo di riproduzione dei grandi squali bianchi.

---

 LA PROSSIMA SETTIMANA...

- Giovedì 13 ottobre - Petrosino & Deiana: La metrica rende liberi

- Venerdì 14 ottobre - Soundtrack Duo: il cinema non è muto

- Sabato 15 ottobre - Dario Benedetto: The Best & The Worst

- Domenica 16 ottobre - Debora Bocchiardo presenta Scozia Express

---

Dal 20 settembre Luna's Torta torna al suo orario autunninvernale!

° Lunedì chiuso!
°Martedì e Mercoledì 9,30-20,00
°Da Giovedì a Sabato 9,30-23,30 (circa, a motivo degli eventi che si svolgeranno nelle serate)
°Domenica 9,30-20,00

---

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Noi però li ringraziamo: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).

Però non stampatela. La scriviamo con le letterone belle grandi apposta.