Testata

A volte abbiamo l'intemperanza del meteo.

Questo è venuto da pensare in occasione dell'ultimo temporale e in contemporanea dell'ultima chiacchierata tra amiche.

Qualcuno, sicuramente più saggio e sicuramente venuto prima di noi, quindi con ovvietà prima passato dalle forche caudine dell'esperienza, diceva Much Ado About Nothing. Essì, scomodiamo nientemeno che l'inarrivabile William, per passarvi un pensiero tutto sommato semplice e scevro di chissà quali elucubrazioni.

Perché abbiamo accomunato tuoni e fulmini, un convivio tra affini e Shakespeare?

Mah, forse è perché siamo così immensi ma così circoscritti che alla fine tutto si tocca, per quanto ci è dato esperire, e allora guardiamo con simpatia alla teoria sociologica dei sei gradi di separazione.

Non staremo a tediarvi oltre, ma oggi, assistendo ad un litigio, o meglio ad una pacata discussione, tra amici, è automaticamente tornato alla mente il fragore notturno, frammezzato al richiamo del molto rumore per nulla...

Per chiudere: ci infervoriamo, patiamo, ci scaldiamo, difendiamo le nostre ragioni, e questo è sacrosanto. Quando non lo facciamo sorge il problema. L'aria si sovraccarica di energia, le nubi si infittiscono, l'afa le fa salire e entrare in conflitto con correnti d'aria fredda e... il patatrac è fatto: fulmini, tuoni, pioggia a profusione, un gran turbinio di passioni, che, guarda caso, un colpo forte d'aria fresca è in grado di spazzar via.

Fuor di metafora: è indispensabile, bello, nobile, difendere le proprie ragioni, solo quando tutto ciò non somiglia più a una presa di posizione cieca, che non offre aria all'altrui punto di vista. E viceversa, tacere su questioni che creano turbolenza, dona il fianco al crearsi di nuove nere nubi, nuova aria calda che preme verso l'alto, scariche di nuovi malumori, turbini, saette...

Dato che non si è mai così lucidi da evitare che nuvoloni carichi di fulmini, tuoni e pioggia si addensino sul nostro testone, questa newsletter funge un po' da piccolo appunto, come quelli che si attaccano con il magnete al frigo, per ricordare cosa comprare.

Poi ognuno ne faccia quel che vuole.

---

Mercoledì 13, Giovedì 14 e Venerdì 15 luglio | h 18,30-21,30

L'aperiEstivo Lunatico

L'appuntamento con l'aperitivo più fresco e stralunato di tutta Torino è dalle 18,30 alle 21,30 del mercoledì e venerdì al Luna's Torta. Potrete giocare scegliendo quante pappas volete fare. Ci sarà un apposito modulino con tutte le possibilità a prova di fame dalla più stuzzichevole a quella più robusta. Da uno a sette assaggi, per soddisfare anche i più esigenti!

Con l'ombrellone e i divanetti sembrerà di essere in spiaggia e con le delizie che vi proporremo la serata trascorrerà piacevole e sfiziosa...
Non potete non venire a provarlo: vi catturerà!

---

Giovedì 14 luglio | h 18,30-21,30 aperitivo, h 19-20 StuzzicaLibro

StuzzicaLibro: L'aperitivo che non scompare davvero

Sapete quando prendete in mano un libro, non riuscite a staccarvene e alla fine vi accorgete che l’avete proprio divorato?
A noi è capitato con un sacco di bei libri, nell’ultimo anno. Così ne abbiamo selezionati alcuni per riprenderli con calma e stuzzicarli sotto il nostro ombrellone, facendo quattro chiacchiere sbocconcellando l’aperitivo e sorseggiando qualcosa di fresco. Potete venire a stuzzicare con noi tutti i giovedì estivi, fino alla prima settimana di agosto, dalle 19 alle 20.

Sono libri che avete letto e amato? Venite a parlarcene!
Non vi sono piaciuti? Bene, amiamo i dibattiti animati nella canicola estiva!
Non li avete letti? Venite a stuzzicarli con noi, siamo convinte che non riuscirete a staccarvene dopo il primo assaggio.

Questa settimana si parlerà di un libro complesso: “Nessuno scompare davvero” di Catherine Lacey, bigSUR. Un libro intenso e a tratti spiazzante, scritto con stile asciutto, fermo. Un’indagine psicologica che non cade mai nel patetismo per un risultato che apre molte porte senza volutamente chiuderne nessuna… Per perdersi con la protagonista, più che “scomparire”!

Cliccate QUI per avere qualche informazione in più sul libro e sull'autrice.

---

Venerdì 15 luglio | h 18,30 - 21,30 pappas e minicirco

Chiara Trevisan e il Circo delle Pulci

UDITE UDITE! Uno spettatore, uno spettacolo, una pulce, una sola volta!

Arriva il Valentino’s Flea Circus – Circo di Pulci di Valentino, l’unico circo in scatola del mondo! Cercate la Domatrice Chiara Trevisan, scegliete il vostro spettacolo nel carnet fra numeri eccentrici e straordinari, sedete e divertitevi!

Ideato dal puppet master argentino Horacio Tignanelli e presentato in tutta Europa dalla stravagante veneto-piemontese Chiara Trevisan: “Un numero, uno spettatore, una sola volta!”

A voi la scelta: il Missile vivente? Oppure Holiday on Soap? Correndo attraverso la morte o affrontando la temibile Spianatrice ardente?

In catalogo numeri arditi, impressionanti, unici nell’universo circense, pronti per la scelta dello spettacolo al quale voi soli assisterete.

Uno alla volta, spingete lo sguardo nella scatola magica, spalancate le orecchie e l’immaginazione per un momento unico, privato ed esclusivo.

Pochi minuti all’interno della pista di Circo più piccola del mondo vi lasceranno a bocca aperta pronti per sospirare…: “Ancora!!!”

… E non sia mai che rimaniate a pancia vuota! Venendo ad assistere al Circo potrete stuzzicare le nostre gustose PAPPAS!

---

Un libro di trincea, un giallo e una sorta di insolita guida per le vostre velleità di lettura questa settimana... Tre piccoli frutti succosi da gustare nella loro agrodolce bontà.

Ms Kalashnikov di Wu Ming 5 e Francesca Tosarelli, Chiarelettere (16 euro)

Certo una narrazione che se viene sfogliata sotto l'ombrellone è forse per caso, se non per conclamato sbaglio. Perché si tratta del resoconto del progetto di Francesca Tosarelli, che da fotoreporter ha smesso panni convenzionali per calarsi nella realtà di ribellione femminile che permea il nostro mondo attuale, partendo da Capo Verde per approdare a Libano e Siria, senza tralasciare il Congo. Ripalleggiandoci situazioni e vicende solo fisicamente lontane da noi. Il libro ha la struttura di un memoir, riportando alternate le pagine dei diari di Wu Ming 5 (al secolo Riccardo Pedrini) e di Francesca Tosarelli. La realtà, come spesso accade, supera la fantasia.

Dice di seguirlo, ci porta in una casa privata. Nel frattempo si informa su cosa stiamo facendo a Tripoli.
Storiella pronta, mezza vera mezza falsa. Non pensiamo sia strategico condividere il fatto che vogliamo lavorare anche nel quartiere avversario al suo.

Il miliziano si distende e ci racconta la sua storia. Molti anni fa era emigrato in Australia, dove aveva aperto una piccola società, si era sposato e aveva avuto due figli. Ma da un paio d'anni, riguardo a Tripoli, non riusciva più a leggere le news e basta: era la sua gente, e la sua città, il suo quartiere, ed era tornato per combattere.

Pericolo Giallo di Fulvio Ervas, Marcos Y Marcos (17 euro)

Giallone di maniera, ma di una maniera diversa. Perché, se è vero che anche qui troviamo sempre l'ispettore Stucky, che chi si è appassionato allo scrittore veneto conosce bene, ci sono elementi che scompaginano le dinamiche note. Infatti, se partiamo da un'indagine in centri massaggi cinesi fin troppo palesemente ambigui in Treviso e da un'Audi gialla che impazza a 300 km orari sulle strade del NordEst, sarà soprattutto la morte del collega e amico Manuel a rompere una quotidianità diremmo consolidata. Anche perché a contattarlo per risolvere i misteri sulla fine di Manuel sarà la poliziotta omosessuale Luana Bertelli, che lo spronerà a non darsi per vinto. E chissà che proprio la Cina non sia più vicina del previsto...

Per addormentarsi, Stucky è indeciso se mettere in sottofondo Let it be o un paio di pezzi di Fatoumata Diawara, splendida voce femminile del Mali. Voce femminile per un povero ispettore stanco.
Che s'addormenta, mentre Manuel Gallo, avvolto dalla notte, si spegne.

Colosseo, due o tre cose che so di lui, a cura di Massimo Borelli, L'Orma (8 euro)

Ecco, ora faremo a gara con le reclame. Perché se L'Orma ha avuto un'idea geniale proponendo i suoi Pacchetti (sorta di pubblicazioni minori di autori famosi raccolte in libricini di piccolo formato e tutti impacchettati e spedibili per daveeero daveeero), ancor di più l'ha avuta proponendoci nella collana le città di varie parti del mondo o i luoghi topici delle suddette città: Il Muro di Berlino, La Tour Eiffel, ma anche New York e, perché no, quella da noi scelta, ovvero, per smaccato campanilismo, Il Colosseo. Una guida insolita compilata grazie alla Storia, alle storie, curiosità, persone, ai personaggi, aneddoti e a tutto quello che una guida con la G maiuscola mai regalerebbe ai suoi fruitori. Cominciate col Colosseo: poi, come ciliegie, l'una tirerà l'altra!!!

PARCO A TEMA
Durante la prima Repubblica romana, instaurata il 15 febbraio 1798, i francesi di Napoleone progettarono di trasformare il centro di Roma in un grande parco archeologico, dove il Colosseo avrebbe costituito l'attrazione principale. Non se ne fece nulla, ma di lì a poco sarebbero arrivati i primi grandi restauri dell'anfiteatro.

---

LA PROSSIMA SETTIMANA...

Annunciazò annunciaziò!!
Dal 19 giugno all'11 settembre compresi Luna's Torta cambia orario!
° Lunedì (aperto!) e Martedì: h 9,30-20
° dal Mercoledì al Venerdì: h 9,30-21,30
° il Sabato: h 9,30-15
° Domenica Chiuso

Questo ci darà modo di deliziarvi con il ciclo di aperitivi serali:
- Mercoledì 20; Giovedì 21 e Venerdì 22 luglio: L'AperiEstivo Lunatico
- Giovedì 21: quarta puntata per lo StuzzicaLibro

---

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Noi però li ringraziamo: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).

Però non stampatela. La scriviamo con le letterone belle grandi apposta.