Le news della Luna'sTorta // Più Paradiso per tutti

cari amici,

voi come lo immaginate il Paradiso? Come un mare profondo e chiaro, attraverso le cui acque i raggi solari penetrano e si rifrangono in un prisma di luci, che illuminano coralli e pesci rari, navi intraversate che nascondono tesori, un mare accogliente in cui si respira e si galleggia, un cielo infinito più che un mare, così lontano e quieto che nessuna dichiarazione di Gasparri può raggiungerti.

O come una montagna verde e bianca, spruzzata di menta e zucchero a velo, tanto vicina alle nuvole che basta una buona scala da imbianchino per scoprire il segreto dei tuoni; con piccole vette aguzze che circondano un grande altopiano come una corona preziosa, molti alberi, qualche bestia ruminante e nessuna a motore. 

O magari siete più pratici e il Paradiso per voi è un'isola neanche troppo bella, ma con l'IVA al 2%. O una città piena di bar, un campo da calcio infinito, una villa con tre piscine, una biblioteca polverosa, un letto a quattro piazze, un negozio di scarpe tacco 12, un corpo caldo o uno spazio bianco in cui evocare, con la fantasia, una a scelta di queste cose o anche tutte.

Il Paradiso non si sa mica cosa sia, in realtà, anche dopo che un signore fiorentino ha speso un sacco d'ingegno e rime a spiegarcelo. Il Paradiso di Dante è forse la meno conosciuta delle cantiche; ma se volete rimediare, e sapere com'è il Paradiso, non avete che da aspettare venerdì 5 aprile (leggete sotto i dettagli).

Canzoni d'autore riarrangiate in chiave acustica

Over the strings / giovedì 4 aprle dalle 20

Over The Stringsè il progetto di tre musicisti torinesi (Marina Pretti voce, Beppe Brucoli e Roberto Togliatto chitarre) che si esibiscono con canzoni d’autore; dalle raffinate e suadenti melodie tipicamente new age al blues e al funky, tutto rigorosamente in acustico.

Giovedì 4 aprile gli Over the strings saranno alla Luna’sTorta: alle 20 l’aperitivo, alle 21 la musica! Potete prenotare un tavolo da questa pagina o telefonando al numero del locale: 011.6690577.

Scusi signorina, vado bene per l'Empireo?

Il Paradiso di Dante / venerdì 5 aprile dalle 20

Un viaggio in Paradiso ha un sacco di controindicazioni: difficoltà di respirazione a causa della mancanza di ossigeno, l’eccessiva altezza non è consigliabile ai pazienti affetti da vertigini, cardiopatie congenite, difficoltà di equilibrio. Si hanno poi continue visioni e allucinazioni, perdite della vista e della memoria, palpitazioni, balbuzie, perdita dei sensi, shock traumatici. Se siete di salute cagionevole seguite il consiglio di Dante: il Paradiso non fa per voi!

Enrico Pastore e Saulo Lucci continuano a raccontarci e leggerci la Divina commedia, con un incontro, uno solo e quindi imperdibile, sul Paradiso. Venerdì 5 aprile alla Luna’sTorta: alle 20 l’aperitivo, alle 21 circa lo spettacolo. Prenotate un posto da questa pagina!

Un corso di calligrafia / da domenica 14 aprile

Un corso di calligrafia condotto da Paola Robbe per cinque domeniche pomeriggio

Dante non ha mai scritto in calligrafia cancelleresca, perché è tipica del Rinascimento. Ma se volete imparare a scrivere bene a mano, iscrivetevi a Scrivere con stile! Un corso di calligrafia condotto da Paola Robbe e ospitato da Luna’sTorta, che parte domenica 14 aprile. se raggiungiamo il numero minimo di iscritti (e siamo vicinissimi!) Il calendario prevede cinque incontri, tutti di domenica, dalle 15 alle 17. Costa 75 euro (poco, rispetto a corsi simili).

> Le iscrizioni sono ancora aperte ancora per pochi giorni! Se ti interessa non indugiare oltre, usa il modulo su questa pagina o telefona al numero del locale: 011.6690577.

Un bel libro che riporta il sole

Una visita al campo di concentramento di Buchenwald non è mai stata raccontata, forse, con tanta fantasia e umorismo. Perché ad andarci è una famiglia tutta scombinata: tre fratelli di mezz'età, figli dello stesso padre e madri diverse, più la figlia di una di loro. Un favoloso bugiardo, della tedesca (d'origine ungherese Susann Pasztor) mette in scena una commedia famigliare dove il protagonista è assente: il vecchio Joschi, che avrebbe compiuto cent'anni e quindi va festeggiato, anche se ha avuto cinque mogli e cento vite, anche se era pavido, indolente e soprattutto un instancabile raccontatore di frottole.

A ciascuna delle sue famiglie ha raccontato una vita diversa, così accade che i resti di tre famiglie vadano alla ricerca di una traccia di Joschi, e lo festeggino in modo molto speciale (la scena del festeggiamento vale da sola l'acquisto del libro). Un favoloso bugiardo è stato pubblicato da Keller alla fine del 2012 e costa 14 euro.

Se questa mail ti è piaciuta, falla girare!

Grazie a tutti quelli che segnalano agli amici questa newsletter, gliela girano, li iscrivono (probabilmente a loro insaputa) da questa pagina. Continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).
Però non stampatela. La scrivo con le letterone belle grandi apposta.