Newsletter # 56391 // Saggezza popolare

cari amici,

"Se senti le voci non è mica detto che tu sia pazzo: magari sei doppiatore", recita un detto popolare molto diffuso nella zona di Spremiunzo, nel Crapanzano occidentale, che ci ricorda quante cose, nella vita, siano relative.
Inoltre Spremiunzo non esiste e Crapanzano è tutt'al più il personaggio di un film.

Per i sapienti andini, del resto, la verità è come la gonna delle donne peruviane, fatte con molti strati per via del freddo. La verità riscalda, quindi, ma allo stesso tempo copre e nasconde. Vi sembra interessante? Ah no eh? Beh, allora cambiamo argomento, tanto l'ho inventato di sana pianta.

"La pianta sana fa il terreno fertile, il terreno fertile fa l'uomo felice, l'uomo felice fa la cacca allegra, la cacca allegra fa la pianta sana" è invece una frase che non si legge su alcuna etichetta di diserbanti. Questo per dire quanta saggezza è affidata ai detti tradizionali: almeno sei chili.

Qualche mese fa è uscito un bel giallo di ambientazione africana e ciascuno dei suoi capitoli richiama un proverbio locale. Piccole frasi divertenti, che daranno il ritmo  questa newsletter; e alla fine sì, vi dirò anche di che libro si tratta.

"Se il fiume devia spesso il suo corso è perché nessuno gli indica la strada"

Aperitivo a lume di candela / 15 febbraio dalle 19.30

Il 15 febbraio, in occasione dell’iniziativa M’illumino di meno, la Luna’sTorta spegne le luci e serve uno sfizioso aperitivo a zero impatto energetico.
Buon cibo, naturale e senza sprechi, in un’atmosfera resa suggestiva dal lume di candela e dall’arpa di Cecilia Lasagno. L’evento è in collaborazione con il 
Movimento per la Decrescita Felice di Torino.

L'aperitivo comincia alle 19.30, la musica a seguire. I posti a sedere sono finiti, ma se vi va fate un salto!

"Solo il cielo può vedere la schiena dello sparviero"

Da Pirandello a Totò / sabato 16 febbraio dalle 20

Simão Do Vale e Nicolò Prestigiacomo ci accompagnano in un percorso che, partendo da Pirandello e arrivando a Totò, in una escalation comica, ci fa divertire e appassionare allo stesso tempo. Perché il palco non è solo risate ma anche cultura, storia, emozione e passione.

Sabato 16 febbraio non perdete l’occasione di vedere il teatro in libreria! Ingresso libero e gratuito. Alle 20 un buon aperitivo, alle 21 lo spettacolo. Prenotate un tavolo da questa pagina, così state comodi!

"Il gracidare della rana non impedisce al'elefante di bere"

Se scrivere vi intriga, il 17 febbraio è previsto l'inizio di Scrivere con gusto, un corso di scrittura in otto lezioni con una gustosa sfumatura gastronomica. Lo conduce Claudia Colucci e il corso si avvierà se raggiungiamo gli 8 iscritti. Ne mancano ancora alcuni, quindi se vi interessa iscrivetevi!
Su questa pagina tutte le informazioni e il modulo per l'iscrizione.
Con Claudia collaborerà per una lezione Francesco Forlani, scrittore e conduttore radiofonico. Due corsisti saranno invitati in radio nella trasmissione Cocina clandestina, che Francesco conduce su radio GRP.

Altre informazioni e iscrizioni su questa pagina

"Per quanto provi a scappare, il chicco di mais finisce sempre nel becco del gallo"

Il libro di cui si parla all'inizio (e poi un altro)

Uscito verso la fine dell'anno scorso, Non sta al porco dire che l'ovile è sporco è il primo di una serie di gialli che l'editore 66thand2nd pubblicherà nella sua collana B-Polar. Ambientato a Cotonou, città del Benin caotica, inquinata, sporca e criminosa come ogni buona metropoli africana.

Non sta al porco...  è animato da un faccendiere d'origine araba, bellissime prostitute, un ispettore di polizia, un agente di sicurezza e altri personaggi, tutti alla ricerca di una preziosa valigetta. Bello, scatenato e, come abbiamo visto, proverbiale.

 Se non amate i gialli, potete sempre provare a leggere Apostoloff, un romanzo dal fascino complicato da descrivere. Due sorelle tedesche, guidate dall'autista Roman Apostoloff, si trovano a girare per la Bulgaria, patria d'origine di loro padre.

All'inizio la visita è dovuta a una strana incombenza familiare, poi decidono di girare un po'. Una delle due sorelle, quella che racconta la storia, è dura, sarcastica, livorosa e spesso divertente. Sprofondata nel sedile posteriore dell'auto, sputa veleno di prima qualità.  L'altra sorella è remissiva, educata, gioiosa. E poi c'è Apostoloff, l'autista, guida e saggio Apostoloff; e la Bulgaria. Se vi intriga, trovate altre informazioni qui.

Se questa mail ti è piaciuta, falla girare!

Grazie a tutti quelli che segnalano agli amici questa newsletter, gliela girano, li iscrivono (probabilmente a loro insaputa) da questa pagina. Continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).
Però non stampatela. La scrivo con le letterone belle grandi apposta.