Testata
---

Quando lo stupore ha nome Amönda

Lo stupore ci colse. Questa settimana ben motivato.
Immaginate la scena. Siamo a domenica 11 ottobre, verso le 21. Portici di Carta s'è concluso, con gran soddisfazione, se dobbiamo essere sinceri.

S'è venduto, si sono ospitati scrittori al nostro banco, ci si è fatti conoscere, si sono spacciate torte a chi si fermava al banco e comprava un libro, ma, soprattutto, c'è stato il gradito passaggio di tutti gli affezionati del Luna's Torta. Che hanno salutato e son andati via, che hanno acquistato libri en plein air, che si son fermati un po' a far due chiacchiere, che hanno portato generi di conforto.

E quindi, quasi a malincuore, s'è dovuto sbaraccare, con due aiutanti d'eccezione (oltre ai due bei maschioni che hanno fatto le nostre veci il sabato): due gentil donzelle carissime amiche del Luna's. Come detto di libri ne son andati, rispetto alle scatole iniziali, ma con 15 metri di banco le quantità erano ben di più! Quindi abbiamo riportato un bel po' di titoli all'ovile.

Fai che non fai, gira che ti rigira, inscatola che ti si inscatola, alla fine son uscite fuori più di una decina di scatole... Orrrrrrore!!! Tragggggedia! Ci staranno mai sul Pandino della Uzzi, che le riporterà alla base? Bè, dai, al limite facciam due giri!

E invece Amanda (questo il nome del rosso Bolide di mamma Fiat) s'è portata egregiamente, e con i sedili posteriori abbassati c'è stato tutto. Uzzi e Aila comprese, sedute sul sedile guidatore e passeggero. Il nostro stupore è ben motivato o meno???

Questa newsletter (che arriva in ritardo proprio per motivazioni legate all'inconsueto trambusto del finesettimana) vuol quindi essere un'ode ad Amönda la Pönda, che è stata parte fondamentale in questa bella avventura ottobrina.

E ora spazio agli appuntamenti che ci aspettano e aspetteranno, con qualche consiglio di lettura, così, a fine newsletter, proprio come il dolcino che aggiusta la bocca a fine pasto...

Giovedì 15 ottobre | h. 20 aperitivo, h. 21 spettacolo

Poor Gateau

Dopo lo straordinario successo di Hell o’ Dante, Saulo Lucci torna a grande richiesta tra i tavoli di Luna’sTorta per proseguire il viaggio all’interno della Divina Commedia.

Poor Gateau è uno spettacolo unico, lungo trentatré giovedì, in cui Saulo ripercorre, spiega e racconta in modo ironico e documentato l’intera cantica.

Hell O’ Dante, proposto da Luna’sTorta per l’intera stagione 2014-2015, ha ottenuto un seguito strepitoso. Oltre 1000 spettatori di ogni età si sono avvicendati tra i tavoli della libreria per rivivere le pagine dell’Inferno dantesco.

Vi aspettiamo numerosi anche quest’anno! 

Questa settimana: Canto IV
Dante è nell’Antipurgatorio dove incontra i negligenti, che per pigrizia tardarono a pentirsi.

Ricordate, se volete mangiare, prenotare vi assicura un posto a sedere e tante cose buone da mettere sotto i denti!
La precedenza per i posti ai tavoli verrà data a chi prenota per l’aperitivo.

Prenotatevi cliccando QUI.

(Ricordiamo che l'aperitivo abbuffett costa 8 euro con bevanda inclusa e che la prima consumazione - senza aperitivo - costa 5 euro).

 

---

Sabato  17 ottobre | h. 20 aperitivo, h. 21 proiezione

Storia di 1 Tram. Vite e storie della Torino degli anni ’20 e ’30

LABirinti Festival 2015

L’Associazione Cinemage presenta il progetto Storia di 1 Tramdocumentario in fase di realizzazione di cui verranno proiettati degli estratti – che racconta la storia della linea tranviaria torinese 1, e delle storie che sulla linea si intrecciarono.

Partito nel maggio 2013, il progetto Storia di 1 Tram è nato dall’idea di voler tornare a raccontare le storie e le vite che, durante gli anni Venti e Trenta, hanno avuto modo di intrecciarsi in un palcoscenico davvero particolare: la linea torinese del tram numero 1. Questo particolare palcoscenico ha ospitato in quegli anni le personalità di spicco della Torino dell’epoca. Circolo culturale itinerante per gli intellettuali, all’interno del tram si sono scambiate opinioni, idee ed i sussurri dell’imminente guerra che avrebbe sconvolto l’Europa intera. Tra una fermata e l’altra il tram ha avuto l’onore di ospitare appassionati dibattiti politici e sociali, mentre inesorabilmente al suo interno sono nate “storiche” amicizie che hanno legato l’Italia intera, come quella tra Luigi Einaudi con il professor Ottolenghi.

Il documentario è composto da numerose testimonianze di vita quotidiana raccolte intervistando sia chi è stato protagonista di quell’epoca di cambiamenti, ma anche chi quel tram l’ha voluto studiare e ricordare: l’avvocato Massimo Ottolenghi ad esempio, che, ormai prossimo a compiere un secolo di vita, ricorda la sua precoce attività antifascista, o l’Ing. Roberto Cambursano, Presidente dell’Associazione Torinese Tram StoriciATTS, partner del Gruppo Torinesi Trasporti-GTT, due realtà che negli anni in cui il progetto ha preso forma si sono dimostrate fondamentali, permettendo all’Associazione Cinemage di rimettere in moto la storica motrice 512, la stessa usata dal Tram numero 1, facendola circolare lungo il vecchio percorso tutt’oggi agibile di via Pietro Micca.

Come di consueto alle 20 aperitivo e alle 21 presentazione. Prenotazioni aperte per chi vuole fare la pappa… e se la volete fare, ci raccomnadiamo, fatecelo sapere! Potete prenotare cliccando QUI.

(Ricordiamo che l'aperitivo abbuffett costa 8 euro con bevanda inclusa e che la prima consumazione - senza aperitivo - costa 5 euro).

---

Domenica 18 ottobre | h. 11 brunch, h. 11,30 presentazione

Intorno al fuoco. Viaggio tra cibi e cucine nel mondo

Ripartono gli appuntamenti di Pane, LIBRI e Marmellata, il ciclo di brunch letterari della domenica mattina.

Carla e Giorgio Milone che presentano Intorno al fuoco, viaggio tra cibi e cucine nel mondo(Priuli & Verlucca, 2014), libro fotografico che mostra i luoghi in cui “si fa cucina” nel mondo. Il brunch, a tema con la presentazione, consente di esplorare sapori esotici e differenti tra loro attraverso la proposta di tre portate salate e tre dolci.

Nella prefazione Carlo Petrini (Fondatore dell’Associazione Slow Food) descrive Intorno al fuococome un libro che «racchiude un piccolo tesoro, che va gustato con lentezza e curiosità» e ne parla come di «un lungo e articolato viaggio gastronomico. Un viaggio attento e sensibile, capace come pochi di cogliere la fabbrilità ancora propria delle culture che, dal nostro eurocentrico punto di vista, appaiono marginali e minoritarie».
Il progetto di Carla e Giorgio Milone infatti nasce da una ricerca intorno a quel luogo sacro che è la cucina: sacro, in quanto cuore dell’intimità della famiglia, in qualunque luogo, anche il più remoto:dall’Africa più profonda alla Siberia, dalla Birmania all’Uzbekistan, dal Giappone al Perù.

Carla e Giorgio Milone realizzano fin dal 1967 reportage narrativi che presentano il mondo seguendo diversi fili conduttori. Sono nati così video racconti come Io sono un NomadeL’Anima del MondoBanchi di scuola, Una donna, un mondo, oltre a grandi monografie su diversi Paesi. Questi reportage fotografici, musicati e commentati, sono stati presentati in varie città d’Italia, sempre con grande partecipazione e successo di pubblico.

Il brunch viene servito dalle 11 alle 15. La presentazione inizia alle 11.30. Fare il brunch non è obbligatorio ma se avete intenzione di mangiare vi siamo gratissimissimi se avete voglia di prenotare. Sono cose per cui vogliamo bene a tutti. Prenotatevi cliccando QUI.

(INGRESSO LIBERO
BRUNCH SALATO
3 assaggi + succo d'arancia
6 euro
BRUNCH DOLCE
3 assaggi + succo d'arancia
6 euro
BRUNCH COMPLETO
10 euro)

---

LA PROSSIMA SETTIMANA...

- Giovedì 22 ottobre, h 21 - Poor Gateau

- Venerdì 23 ottobre, h 18,30 - L'estate del cane bambino

- Venerdì 23 ottobre, h 21 - Reading the blues

- Sabato 24 ottobre, h 18,30 - Il gioco della bottiglia

- Sabato 24 ottobre, h 21 - Le ricette di Gregory Speck

- Domenica 25 ottobre, h 11,30 - L'amore si impara

Dopo Portici di Carta, maneggiando i nostri adorati piccoli editori, siamo arrivati alla conclusione che questi tre libri che vi proponiamo abbiano veramente la loro da dire...

I cantaglorie di Gian Paolo Ormezzano, 66thand2nd (18 euro)

Chi c'è dietro le quinte di ogni successo in ambito sportivo? Sicuramente gli atleti, gli allenatori, gli spettatori, ma una parte fondamentale della risonanza che alle imprese sportive viene data è merito del lavoro di chi è sul campo (o fuori) per narrare ciò che accade minuto per minuto. Gian Paolo Ormezzano, da giornalista qual è, ben lo sa. Ed è per questo che dona al suo scritto un titolo così eloquente: I cantaglorie, ovvero una carrellata di chi dello sport e delle sue imprese ha fatto la storia, narrandolo, facendone cronaca diretta, scrivendone.

Primi anni Sessanta, Giro d'Italia, una donna al seguito e non era la miss tappa. Una donna giornalista, nonché bravissima ritrattista. Fiora Gandolfi, del «Corriere d'Informazione», mandata per colorare il Giro di disegni e anche scritti sapidi, speciali, molto suoi. Il regolamento vetusto diceva di no, ma nessuno se ne curò. Bella, giovane, vivace, Fiora voleva sapere tutto.

La vita coniugale di Sergio Pitol, Nottetempo (13 euro)

Jacqueline e Nicolas Lobato, storia di un matrimonio con i crampi avrebbe altrimenti potuto essere intitolato questo romanzo. Sì, perché dacché lui (Nicolas) ha la simpatica abitudine di tradire lei, che è la moglie, lei (Jacqueline) puntualmente escogita un nuovo modo per tentare di ucciderlo. Commedia nera, spietata, che mette a nudo la viscida falsità di molti rapporti coniugali come anche la borghesia e le sue piccole grandi nevrosi, le regole di cui è costellata per reggere una facciata che realmente non esiste.

E un giorno si ritrovò a vivere in un piccolo appartamento miseramente ammobiliato, in via Balderas. Così dunque, non era sfuggita al destino dei suoi familiari, anche lei era tornata a sguazzare nella miseria. Viveva dei minimi interessi che le dava la banca, ma per la prima volta dal giorno delle sue nozze era decisa a essere accorta col denaro.

Hugo e Rose di Bridget Foley, e/o (18 euro)

Una canzone della Cenerentola disneyana recita: i sogni son desideri di felicità. Par proprio quello che accade a Rose, che in realtà già una vita da sogno la possiede: una bella casa in un quartiere di tutto rispetto, un medio benessere, una bella famiglia. Eppure... C'è un nugolo che non riesce a non assillarla. I suoi sogni, appunto, in cui ci sono mille incredibili avventure ad attenderla, ma soprattutto c'è Hugo. E solo come la vita sa stupirci ad un certo punto Hugo appare nella vita reale. Ed è proprio come Rose l'aveva sognato, anche se incredibilmente diverso...

La casa di Hugo era tutta a soqquadro.
Anche se, a voler essere sinceri, "a soqquadro" era di gran lunga insufficiente come descrizione. Perché faceva pensare per lo più a una serie di oggetti domestici lasciati in disordine. Documenti da archiviare. Scarpe da metter via. Letti da rifare.
Ma quando Rose si sedette sul divano, scomodamente appollaiata sul bordo, quello che vide intorno a sé andava ben oltre il semplice disordine.

---

Se questa mail ti è piaciuta, mandala a un amico!

C'è gente che segnala questa newsletter agli amici, o gliela inoltra, o addirittura li iscrive (da questa pagina). È possibile che siano grandi misantropi, che vogliano perdere i loro amici a uno a uno. Noi però li ringraziamo: continuate così!

Questa newsletter è realizzata interamente con materiale riciclabile: algoritmi, idee e barbera in proporzioni variabili. Non inquina aria, mari e fiumi. Potete gettarla nel cestino senza recar danno all'ambiente. Ma soprattutto potete girarla a qualche amico o amica e invitarli a iscriversi (basta andare qui).

Però non stampatela. La scriviamo con le letterone belle grandi apposta.